Quanti tipi di caldaie esistono?

Condividi l'articolo...

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Quanti tipi di caldaie esistono al giorno d’oggi sul mercato? Tante. Risposta scontata. Vi sono una miriade di modelli, di tipologie (oltre che di marche) che è bene conoscere, in via preliminare, se vi accingete a comprarne una. In questo articolo, proviamo a fare un po’ di chiarezza, dandovi qualche dritta.

Prima di vedere quanti tipi di caldaie esistono, dovreste porvi alcune domande: “A cosa mi serve la caldaia?”. “Quanto è grande la mia casa?”. E infine “Qual è lo scopo della caldaia?”. Cioè, “Deve solo riscaldare l’acqua o anche alimentare l’impianto di riscaldamento?”.

modelli caldaie roma
modelli caldaie roma

Dopo aver risposto a questi quesiti, andiamo a vedere quanti tipi di caldaie esistono:

  • Caldaie a camera stagna: al giorno d’oggi, sono le più diffuse nelle case e nei condomini in Italia. Il “tiraggio forzato” è la prima caratteristica di questo tipo di caldaia: la combustione del gas avviene in maniera isolata dall’ambiente. L’aria, cruciale ai fini della combustione, viene incanalata in maniera forzata mediante tubazione, grazie all’ausilio di un ventilatore. Dove vengono rilasciati i gas di scarico? All’esterno. Il tutto tramite condotti isolati e tubazioni. E’ possibile installare le caldaie a camera stagna in casa: in genere, in bagno o in cucina. E’ essenziale solo che vengano rispettate le indicazioni per il passaggio dei fumi di scarico, del gas e delle tubazioni dell’acqua.
  • Caldaie a condensazione: trattasi di un modello evoluto che recupera il calore dei vapori di combustione e dei fumi, non facendoli disperdere nell’atmosfera. Risultato? Le caldaie a condensazione consumano meno combustibile di quelle a camera stagna. Vale la pena acquistarla se si possiede un’abitazione più o meno grande e se il riscaldamento viene tenuto acceso dalle 8 ore in su. A temperature basse, la caldaia a condensazione esprime performance eccellenti.
  • Caldaie murali: come si può facilmente intuire, le suddette caldaie vanno installate su parete, a prescindere se interna o esterna. In genere, vengono installate in nicchie ed ancorate agli impianti dell’acqua e del gas.
  • Caldaie a camera aperta: trattasi di una tipologia di caldaie, adatte a chi decide di procedere all’installazione esterna. Merita attenzione il tiraggio naturale, dove l’aria necessaria alla combustione del gas viene tratta dall’ambiente. I gas, invece, sono espulsi dalla canna fumaria. La caldaia a camera aperta assicura una rese eccellente, specie se si ha molto spazio sui balconi o se si può dedicarle un locale arieggiato ad hoc.
  • Caldaie a basamento: la loro installazione è semplicissima, visto che basta semplicemente posizionarle sul pavimento e collegarle agli impianti. In linea di massima, la loro installazione è ideale in case grandi.

Ora avete di sicuro le idee più chiare su quanti tipi di caldaie esistono. A voi la scelta in fase d’acquisto. Se necessitate di consulenza a tema, di installazione caldaie a Roma e provincia, contattateci al numero in sovra impressione. La nostra ditta saprà soddisfarvi al meglio.

Condividi l'articolo...

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email